Eventi in archivio

Vita, 200 stories through the glass

Un progetto di Raoul Gilioli

 

28 - 31 gennaio 2016

Villa della Regina, Torino

 

Il 28 gennaio 2016 verrà presentato, nella splendida cornice di Villa della Regina a Torino, VITA, 200 stories through the glass un progetto installativo e documentaristico – composto dalle testimonianze di vita che passano dall’adulto al bambino e viceversa e da una grande installazione di silhouettes scala 1/1 in cristallo - ideato dall’artista torinese Raoul Gilioli con l’Associazione Young Wood. Il lavoro ha per tema il valore del rapporto intergenerazionale che unisce i bambini agli adulti in una contaminazione reciproca di valori ed esperienze.

Nell’intenzione dell’artista, in un contesto storico e sociale di grandi cambiamenti come quello attuale, gli adulti e i bambini sono portatori di vita e speranza. Non è un caso quindi che Gilioli nelle 200 opere in cristallo, li raffiguri per mano, in un gesto di protezione e complicità reciproca che diventa il punto di riferimento per entrambi: il bambino capisce che quella stretta potrà rendere possibili i suoi sogni, mentre l'adulto diventa portatore di esempio e stimolo per le nuove generazioni e la sua. Il focus è orientato sulla famiglia, epicentro e volano di valori di speranza e tenuta sociale.

L’iter creativo si articola in più fasi: ogni coppia è fotografata per mano e lo scatto viene successivamente trasformato, mediante taglio waterjet, in una scultura in cristallo Linea Azzurra con dimensioni reali. La scelta del materiale non è casuale. Il cristallo, per l’artista, deve essere preservato con la massima cura, proprio come le relazioni umane; esso è inoltre trasparente come il rapporto che si basa sulla fiducia e sul rispetto. Sulla superficie di ogni opera è posizionato un QR code per accedere, mediante smartphone, al sito dedicato che racconta le interviste e i video di ogni gruppo di protagonisti e che può essere arricchito dalle testimonianze dei visitatori. Ciascun bimbo racconta la storia dell'adulto facendola propria e viceversa, nell’ottica di uno scambio generazionale che unisce sogni e realtà, aspettative e risultati reali.

 

 

SIMON STARLING

Red, Green, Blue, Loom Music

 

20 gennaio - 5 marzo 2016

 

 

Si tratta della quinta mostra personale di Simon Starling con la Galleria Franco Noero, dopo "Flaga (1972-2000)" (2002), "24Hr. Tangenziale" (2006), "Three Birds, Seven Stories, Interpolations and Bifurcations" (2008) e "F as in Foglia" (2011), nonché la prima in assoluto concepita dall'artista per lo spazio di via Mottalciata.

Anche in questo caso il progetto intrattiene uno stretto legame con la città di Torino, osservata e studiata da Starling utilizzando filtri e prospettive di volta in volta diversi, dall'analisi del passato industriale della città alle sue vicende architettoniche, fino all'interesse per alcune tecniche artigianali in via d'estinzione, nell'ottica di quella che può definirsi come un'archeologia della produzione.

SAN SALVARIO DISTRICT

Fashion Art & Craft

 

30 marzo – 3 aprile 2016

 

Lo storico quartiere di San Salvario a Torino dal 30 marzo al 3 aprile 2016 diventerà una inaspettata vetrina per creativi italiani e stranieri: fashion designer, artisti, artigiani, fotografi e designer. Grazie al progetto SAN SALVARIO DISTRICT Fashion Art & Craft, ideato dall’Associazione Golfart in collaborazione con l’Assessorato al Commercio, Lavoro e Attività Produttive della Città di Torino e con il sostegno della Regione Piemonte, per cinque giorni i creativi italiani e stranieri abiteranno il quartiere insediandosi negli esercizi commerciali e nelle sedi istituzionali e animando le vie con un’esplosione di creatività.

Gallerie d’arte, boutique, locali underground, ristoranti, bar, studi di architettura, cortili, l’intera piazza Madama Cristina -sede del mercato rionale-, la Residenza San Salvario dell’Ufficio Pio della Compagnia di San Paolo, piazza Saluzzo -attigua al teatro Baretti-, la Casa del quartiere, la biblioteca Ginzburg / Lombroso16 e altri luoghi istituzionali diventeranno per un breve lasso di tempo spazi espositivi e di vendita. Il cuore del progetto è un quartiere con un’elevata presenza di attività commerciali e artigianali, alberghi e ristoranti e con il più ricco tessuto associativo, non a caso vi convivono quattro religioni e i loro templi: le chiese cattoliche, il tempio valdese, la sinagoga, le sale di preghiera musulmane. San Salvario è per vocazione un quartiere ricco di sfumature e stimoli, enfatizzati da numerosi flussi migratori, che ha saputo trasformare in arricchimento delle caratteristiche che avrebbero potuto penalizzarlo. Vivendo e respirando il quartiere si ha come l’impressione che il tempo si dilati: ci sono le ore dedicate alla routine quotidiana, con un mercato molto frequentato e innumerevoli esercizi commerciali, bar e ristoranti; poi c’è il tempo dedicato alla creatività con tutti gli studi di design, pubblicità, le gallerie e i negozi che vendono i pezzi unici creati dagli artisti che hanno scelto le botteghe nel vivace crocicchio di vie; e infine ci sono le ore della movida, quando da tutti gli altri angoli della città ci si sposta a San Salvario per esplorare la notte e godere delle molteplici offerte che solo un quartiere cosi multietnico e multiculturale può offrire.

Si è deciso quindi di celebrare questa unicità offrendo anche a chi non vive e opera nel quartiere di godere della forte energia creativa che anima San Salvario; artisti, fashion designer, artigiani, designer e fotografi potranno esporre negli innumerevoli spazi messi a disposizione dal 30 marzo al 3 aprile 2016. Una parte della quota di iscrizione andrà in beneficienza alla Fondazione FARO Onlus che da anni fornisce assistenza ai malati terminali e alle loro famiglie.

Per tutta a durata del SAN SALVARIO DISTRICT ci saranno appuntamenti aperti a tutti, incontri, conferenze e il Premio Salvatore Giachella – Giorgio Puleo indetto in onore di due cari amici che ci hanno lasciato il mese scorso e che sono stati attivi operatori della trasformazione del quartiere. La giuria, composta da ANTONELLA FRONTANI, giornalista, scrittrice, Vice Presidente Film Commission, BEPPE CALOPRESTI, funzionario Assessorato alla Cultura e al Turismo della Regione Piemonte, GIAN CARLO TRANZATTO, architetto e designer, SILVANO COSTANZO, giornalista, artista e gallerista e da TATIANA RIORDA, educatrice, selezionerà i vincitori nelle varie categorie tra tutti i partecipanti che riceveranno – oltre al rimborso della quota d’iscrizione, la tessera Abbonamento Musei Torino Piemonte per accedere liberamente ai musei, Residenze Reali, castelli, giardini e fortezze, collezioni permanenti e mostre temporanee di Torino e del Piemonte.

Per avere un aggiornamento continuo e costante sul progetto SAN SALVARIO DISTRICT abbiamo creato un blog www.sansalvariodistrict.wordpress.com da cui è possibile scaricare il modulo di iscrizione e restare informati su tutte le nuove iniziative e sulle caratteristiche dei partecipanti.

<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>
Pagina 7 di 86

 

bg_abece

Abbiamo collaborato con

891011

1234

891011

891011

8910bot

891011

Succ.
Previous